Perché la guerra?

Caro signor Freud, (…) La domanda è: C’è un modo per liberare gli uomini dalla fatalità della guerra? (…)”
“Caro signor Einstein (…) Orbene, poiché la guerra contraddice nel modo più stridente a tutto l’atteggiamento psichico che ci è imposto dal processo civile, dobbiamo necessariamente ribellarci contro di essa: semplicemente non la sopportiamo più; non si tratta soltanto di un rifiuto intellettuale ed affettivo; per noi pacifisti si tratta di un’intolleranza costituzionale, per così dire della massima idiosincrasia.(…)  Quanto dovremo aspettare perchè anche gli altri diventino pacifisti? Non si può dirlo, ma forse non è una speranza utopistica che l’influsso di due fattori – un atteggiamento più civile e il giustificato timore degli effetti di una guerra futura – ponga fine alle guerre in un prossimo avvenire. Per quali vie dirette o traverse non possiamo indovinarlo. Nel frattempo possiamo dirci: tutto ciò che promuove l’evoluzione civile lavora anche contro la guerra”
 
Da “Perché la guerra? (Carteggio Freud/Einstein), 1932, Bollati Boringhieri, (1969)

 

AGIPPsA è anche SOCIAL!

 

Facebook, Linkedin, Twitter

 

Prossimi convegni e seminari

AdoMagazine - online da gennaio 2019

La rivista di AGIPPsA

Una nuova proposta editoriale che punta a promuovere in modo chiaro e fruibile un punto di vista aggiornato sui temi che la psicoanalisi dell’adolescenza italiana è stata capace di produrre, e su ciò che proporrà certamente in futuro, sulle aree dell’educazione, della cura, dei servizi, dell’idea stessa di adolescenza e di giovane età adulta.

 

scopri di più

Ultimi contenuti

Perché la guerra?

“Caro signor Freud, (…) La domanda è: C’è un modo per liberare gli uomini dalla fatalità della guerra? (…)" “Caro signor Einstein (…) Orbene, poiché la guerra contraddice nel modo più stridente a tutto l’atteggiamento psichico che ci è imposto dal processo civile,...